L’Accademia Italiana della Cucina è nata – naturalmente a tavola, come accade spesso per le cose importanti – quando un gruppo di amici, riuniti a cena il 29 luglio del 1953, ascoltarono e condivisero l’idea che Orio Vergani perseguiva da tempo: quella di fondare un’Accademia col compito di salvaguardare, insieme alle tradizioni della cucina italiana, la cultura della civiltà della tavola, espressione viva e attiva dell’intero Paese. E’ con grandissimo onore che quest’anno il Balsamico ha vinto il premio Dino Villani, premio in memoria di uno dei Fondatori e a lungo Vice-presidente dell’Accademia, riservato ai titolari delle aziende artigianali o piccolo-industriali che si distinguono da tempo nella valorizzazione dei prodotti alimentari italiani con alti livelli di qualità. E’ con grande diligenza e scrupolosità nella produzione del nostro Balsamico che abbiamo potuto superare il severo e giusto codice etico e regolamentare dell’Istituto Culturale, e di questo andiamo molto fieri. A Novembre avrà luogo la premiazione ufficiale mediante lauto banchetto con i rappresentanti di varie delegazioni compresa quella dell’Alto Vicentino; protagonista nel menù il Balsamico di Casa Lovato.

Premio